Cheese Cake al Salmone


Oggi vi propongo una piatto molto particolare.... Cheese Cake salata al Salmone.
La vera cheese cake é composta dai seguenti strati: la base con i biscotti, la crema al formaggio, la panna acida (Sour Cream)  e la guarnizione. In questa ricetta, verranno rispettati tutti gli strati della vera Cheese Cake con un unica differenza....sará salata!

Per la base
200 gr di cracker (tipo Tuc)
2 cucchiai di burro
Pepe (Pizzico)
Sale (Pizzico)


per la crema al formaggio
4 uova
450 gr di formaggio Philadelphia
450 gr di formaggio Robiola o ricotta
4 cucchiai di parmigiano
100ml di panna
un po’ di succo di limone
sale q.b.
pepe q.b.

per la crema allo zola (la nostra "sour cream” salata):
200 g di gongorzola dolce 
20ml di panna
1 goccio di succo di limone
400g di salmone affumicato

Preparazione

1. Sbriciolare i cracker e mescolarli con il burro fuso. Stendere il composto nella teglia e mettere in frigo x 1 ora (30 minuti i freezer).




2. Sbattere le uova con un pizzico di sale. Aggiungere i formaggi morbidi (ricotta e philadelphia), continuando a mescolare bene. Quando il composto sará diventato uniforme aggiungere la scorza di mezzo limone, il parmigiano, la panna, sale e pepe. Mescolare bene tutti gli ingredienti.

Dopo aver ottenuto un composto omogeneo e senza grumi mettere il composto nella teglia sopra i biscotti che avevamo fatto raffreddare,. Infornare a 170° per 50 minuti comprendo con la carta stagnola. Quando la torta sará cotta, toglierla dal forno e farla raffreddare completamente.


3. Preparare la nostra “Sour Cream” per cheese cake salata (Crema allo zola). Mettere lo zola e la panna in un recipiente e mescolare molto forte fino a far diventare il composto spumoso e aggiungere un goccio di succo di limone. Se necessario, potete far ammorbidire lo zola a bagno maria.



4. Quando la torta salata si sará raffreddata aggiungere la crema di zola. Mettere in frigo per 1 ora e poi coprire con le fette di salmone.




5. Guarnire la torta con delle fette di limone e mettete in frigo per 2/3 ore. Finché  la torta non si sará raffreddata e solidificata completamente.




Consiglio:
1. La torta andrebbe mangiata il giorno dopo. Tutti gli ingredienti si solidificano e lo zola prende il sapore del salmone.


2. Per la Crema allo zola, che noi sostituiamo alla "Source Cream" (Panna acida utilizzata per la Cheese cake dolce), potete utilizzare del mascarpone in alternativa alla panna.

Casatiello

Siamo nel periodo pasquale e non poteva mancare il Casatiello. Questa ricetta arriva direttamente da Napoli...


Ingredienti

1kg di farina
Acqua tiepida q.b.
2 lieviti di birra
4 uova per guarnire (Facoltativo)
300g di salumi (Preferibilmente salame) e formaggi tagliati a cubetti
100 gr di pecorino romano grattuggiato
2 cucchiai di olio o strutto (se non volete stare leggeri)
250g di strutto o sugna
Sale
Pepe abbondante

Preparazione
1. disporre a ciambella la farina e al centro mettere il lievito (precedentemente stemperato con acqua tiepida), l’olio il sale. Impastare (per almeno ¼ d’ora) finchè non diventa compatto e morbido, aggiungere altra acqua tiepida se necessario. Lasciar riposare un’oretta.

2. Stendere l’impasto, battendolo con le mani, a forma di rettangolo e aggiungere il pecorino grattugiato, il pepe, lo strutto, i formaggi e salumi tagliati a cubetti non troppo grandi. Piegare e ripetere l’operazione. – L’ideale sarebbe aggiungere gli ingredienti a strati: spalmare lo strutto sull’impasto e cospargerlo di pepe, formaggi e salumi. Ripiegare su se stesso e ripetere la stessa operazione fino ad esaurimento degli ingredienti. -

3. Formare una ciambella e disporla sullo stampo (Stampo per ciambelle) precedentemente unto con olio. Lasciar riposare in un posto caldo tenendolo al coperto, finchè non sarà lievitato bene (almeno 3 ore circa) 

4. Quando l’impasto è cresciuto fino al bordo dello stampo, decorate con le uova e metterlo nel forno a 180°. Toglierlo quando diventerà ben dorato (1 ora circa). Andrà servito freddo.

Consiglio:
1- Le uova potete fermarle con dei pezzetti di pasta.

2- Il casatiello tipicamente è molto pepato, quindi consiglio di metterne un bel po’. Se non piace, potete fare il “Casatiello dolce”: senza pepe.

3- Se volete una ricetta più leggere, potete dimezzare lo strutto e sostituirlo con l’olio.

4- Esiste anche il Tortano, è uguale al Casatiello, ma la differenza è che le vengono messe all'interno a pezzettini.

Sacher Torte

Ingredienti:
150g burro
130g zucchero
160g cioccolato fondente
6 uova
80g farina
80g fecola di patate (in alternativa si puó usare la farina)
½ bustina di lievito
5 cucchiai di confettura di albicocche
Per la Glassa:
60g zucchero a velo
1 noce burro
2 cucchiai di latte
160g cioccolato fondente

Procedimento
1- Fate fondere il cioccolato a bagnomaria, a fuoco dolce, uno volta sciolto fa intiepidire.

2- Nel frattempo in una terrina lavorate lo zucchero con il burro (Precedentemente tolto dal frigo per fatto ammorbidire) finché non diventa una crema spumosa e morbida. Aggiungete i tuorli delle uova, uno ad uno e continuare e mescolare per mantenere un composto morbido e spumoso. Aggiungete al composto, il cioccolato precedentemente fuso e lasciato intiepidire.


3- Montate gli albumi a neve. Quando saranno ben montati unite la farina e fecola di patate, setacciate. E’ importante che le farine vengano unite poco alla volta, mescolando delicatamente con una spatola dall’alto verso il basso, cercando di far entrare aria, per evitare di “smontare” gli albumi.

4- Unite il composto di farina al composto di cioccolato, mescolando delicatamente dall’alto verso il basso. Unite il lievito e continuate e mescolare. Quando sará tutto amalgamato mettete il composto in una teglia (diametro 24) precedentemente imburrata,

5- Cuocete la torta a 180gradi per 40 minuti. Per verificare la cottura della torta potete fare la “prova dello stecchino” (Insirite uno stuzzicadente nella torta, se sará asciutto la torta sará cotta) . Quando è cotta, toglietela dal forno e fatela raffreddare.

6- In un pentolino scaldate la confettura di albicocche. Tagliate la torta a metá(deve essere fredda) e farcite con la confettura, lasciando da parte un piccolo cucchiai. Chiudete la torta e spennellate la superficie con la rimanente confettura.


7- Preparate la glassa di cioccolato: In un pentolino fate sciogliere il cioccolato a pezzetti con lo zucchero a velo, il latte (tiepido non freddo fa frigo) e una noce di burro. Se volete una glassa lucida è molto importante temperare il cioccolato.
In questo caso, se volete fare una temperaggio veloce, potete lasciar raffreddare metá liquido mentre l'altro lo lasciate a bagnomaria a 45°, in modo che rimanda liquido. Quando l'altro si è raffreddato e rappreso, lo rimetti nel cioccolato a bagnomaria mescolando in continuazione. Il fuoco deve essere MOLTO dolce e dovete mescolare in continuazione.

8- Stendete la glassa sopra la torta. No non deve essere troppo liquida, magari lasciatela intiepidire qualche minuto

Consiglio:
1- Per montare a neve gli albumi le uova devono essere a temperatura ambiente. Consiglio di mettere un pizzico di sale;

2- Se volete una glassa lucida, oltre a temperare il cioccolato potete, alla fine, aggiungere un cucchiaio di olio di semi;

3- Quando fondente il cioccolato é importante che il fuoco sia molto dolce e che non entri umiditá. Se l'acqua bolle troppo e vi alza la temperatura potete togliere il pentolino dal fuoco.

4- Variante per la  glassa: fate bollire della panna (200g), unite le scaglie di cioccolato e mescolate. Quando la glassa si è intiepidita, unite il burro e amalgamate. Personalmente sono dell'idea che nella glassa per la Sacher non va la panna... ma lascio a voi giudicare :)

Pan di Spagna

Ingredienti
180 gr di zucchero
6 uova
90 gr di farina
90 gr di fecola
1 pizzico di sale
Preparazione

1. Montare le uova intere con lo zucchero e un pizzico di sale (possibilmente con le fruste elettriche) fino a quando non diventa gonfissima e chiara. (Almeno 15/20 minuti).

2. Quando sará tutto ben montato unirvi, con l’aiuto di un setaccio, la farina e la fecola, muovendo dal basso verso l’alto (Non con la frusta) con una spatola di gomma, senza smontare l uova. Il trucco è che il composto non deve smontarsi mai, quindi aggiungere la farina e fecola poco a poco.
3.Imburrare una teglia ed in forno a 180 gradi (per circa 30 minuti) fino a quando non si vedono i bordi che si staccano dalla teglia. Sfornare e coprire con un setaccio.


Consiglio
Per far montare bene le uova si dovrebbero montare ad una temperatura di 40° (non di piú). Quindi si possono montare con una frusta in un pentolino affinché si raggiunga la temperatura di 40° (si puó misurare anche la temperatura con un dito, basta avvertire leggermente un calore  visto che la nostra temperatura é attorno ai 37°) per poi metterle nello sbattitore automatico o toglierle dal fuoco e continuare a montare con una frusta elettrica. 

Salame al cioccolato

Ingredienti (per 6 persone):
2 tuorli d'uovo
2 cucchiai di zucchero
50 gr di burro
100 gr di zucchero
3 cucchiai di cacao amaro
1 bicchierino rhum
200 gr di biscotti secchi tipo Saiwa


Preparazione:
1. spezzettate i biscotti, di 1 cm circa, in un recipente. Fatelo con le mani e non con il frullatore.

2. In un altro recipiente lavorate due tuorli con due cucchiai colmi di zucchero sino a quando non avrete ottenuto una crema morbida. Aggiungete il burro sciolto, lo zucchero mescolato al cacao amaro ed il rhum. Mescolate tutto molto bene e quando i vari ingredienti si saranno ben amalgamati unire i biscotti.
Mescolare in modo che la crema leghi bene i biscotti poi verrsare il tutto in una carta oleata chiudendola con cura dopo averla arrotolata.
3. Mettere in frigorifero per qualche ora togliendolo solo quando sarà diventato ben duro. Togliere la carta oleata e servirlo a fette.

Consiglio
1. Al posto dei tuorli potete mettere il mascarpone. Verrá piu gustosa...
2. Potete aggiugnere anche delle nocciole tritate per rendere il tutto piú gustoso... e piú calorico :)

Cotolette di Salmone alle erbe

Ingredienti
2 filetti di salmone
Timo
Rosmarino
Prezzemolo
Salvia
Pan grattato
1 spicchio d’aglio
Olio di semi
Farina di grano saraceno o semolino
Sale
pepe

Preparazione
1. Tagliare finemente tutte le erbe e l’aglio e aggiungerle al pan grattato. Mescolare il tutto dentro un pitto fondo aggiungendo del pepe.

2. Prendere i tranci di salmone, cospargerli con un pó d’olio, in modo che la panatura si attacchi correttamente. Passare ciascun trancio prima nella farina di grano e poi nel pan grattato con le erbe.
4. Versate l’olio in una padella non troppo larga così da avere almeno 2 dita di liquido.

Riscaldate l’olio a circa 170°- 180°. Non troppo caldo per dare il tempo al pesce di cuocere anche internamente senza che la panatura si scurisca troppo. Controllate la temperatura dell’olio immergendovi uno stuzzicadenti. Se dallo stecchino escono copiose fila di bollicine l’olio è caldo.
Immergete le cotolette due alla volta. Dopo circa due minuti provate a vedere se il lato verso il basso è colorito, nel caso girate e lasciate andare altri 2 minuti. Durante la cottura abbiate l’accortezza di muovere delicatamente le cotolette, per dare una cottura più uniforme.


5. Scolate le cotolette e asciugatele bene dall’olio con una carta assorbente. Salate su ambo i lati e servite.

Consiglio
1. In alternativa del salmone potete usare dei tranci di pesce spada
2. Potete accompagnare il piatto con una salsa emulsionata al basilico o prezzemolo.
3. Se volete un'impanatura molto croccante e saporita, in alternativa al pan grattato potete utilizzare dei grissini o dei cracker

Torta Zebrata

Ingredienti

200g Farina bianca
200g di zucchero
130g di burro
3 uova grandi
Un limone
Mezza bustina di lievito in polvere per dolci
Per la crema:
50g di zucchero a velo
50g di burro
1 cucchiaiata di cacao dolce
3 cucchiaiate di cacao amaro
2 uova
Liquore a piacere (in alternativa del latte)

Procedimento
1. Infarinate e imburrate lo stampo per torta, diametro 24cm e accendete il forno a 200°

2. In un zuppiera sbattere con la frusta le uova e lo zucchero, finchè non diventerà un composto morbido (almeno 15720 minuti). Quando sarò montatto aggiungere adagio adagio la farina setacciata, la scorza grattugiata del limone e adagio il burro (goccia a goccia) precedentemente sciolto e lasciato intiepidire. Infine incorporare il lievito e mescolare adagio.

3. Versare il composto nella tortiera e infornare a 200°. Dopo 20 minuti portare la temperatura a 225° per altri 20 minuti. Assicuratevi che la torta sia pronta (con uno stuzzecadente) , toglietela dal forno e fatela raffreddare.

4. Mentre la torta cuoce preparate la crema al cacao. Rossadate le uova (come quando fate l’uovo sodo), togliete i tuori e passateli al setaggio (schiacciateli con una forchetta). Lavorate il burro con lo zucchero al velo e quando sarà ben montato unitevi i tuorli, il caco dolce e amaro ed il liquore (3 cucchiai). Lavorate il composto con la frusta finchè non sarà ben gonfio e morbido.

5. Con un coltello seghettato tagliate la torta in due pezzi. Spruzzate una metà con il liquore e versatevi sopra la crema stendendola con una spatola. Appoggiatevi sopra l’altra metà della torta (se volete anche questa spruzzata di liquore)

6. Decorate la torta a Zebra. Spolverate la torta di zucchero a velo. Preparate 5/6 strisce e adagiatele sulla torta, attenzione a non togliere lo zucchero, collocandole a distanza uguale l’una dall’altra, e con un colino cospargete il cacao. Togliete adagio le strisce….. la torta sarà zebrata. 


Consiglio:
1. Durante la cottura non aprite mai il forno
2. le uova con lo zucchero dovranno essere montate molto bene
3. per la crema potete regolarvi a piacere, per avere una crema più densa aggiungete più cacao.

Salmone Pomodorini e Rucola


Ingredienti
2 filetti di salmone
4/5 pomodorini
Rucola, due manciate
Timo
Origano
1 spicchio d’aglio
Olio
Sale
pepe

Preparazione
1. In una padella antiaderente cuocere i tranci di Salmone (potete non mettere l’olio se volete rendere il piatto molto leggero). Quando il salmone sará, quasi cotto, iniziare preparare la salsa di accompagnamento. Il salmone andrá girato, quando si sará rosolato da un lato. Sará pronto quando sará ben rosolato da entrambi i lati.


2. Riscaldare dell’olio e dell’aglio in una padella, quando sará ben caldo aggiungere dei pomodorini tagliati a cubetti, privati di succo e di semi,  ed insaporire con le erbe aromatiche (timo e origano).
Quando saranno pronti (5 minuti), spegnere la fiamma, aggiungere la rucola edell’olio extra vergine d’oliva. Mescolare il tutto

3. Mettere il condimento di pomodoro su un piatto e adagiare il trnacio di salmone. Salare pepare e, se volete, mettere un filo d’olio a crudo prima di servire.

Consiglio
1. Al posto del salmone potete usare il tonno. Dovrá essere lasciato un pó piú crudo se no diventa secco
2. In alternativa ai pomodorini e rucola potete utilizzare dei faciolini lessi e dei pomodorini tagliati a cubetti e conditi con olio e sale, tutto a crudo.

Gamberoni in Agrodolce

Un piatto con un sapore molto particolare da proporre in alternativa ai soliti gamberoni Saltati al brandy. E' molto saporito e lascierá sorpresi i vostri ospiti...

INGREDIENTI:

 1/2 kg. di gamberoni
pepe
100 gr. di sedano
1 ciplla grande
1 peperone (facoltativo)
sale,
50 gr. di uvetta
olio d`oliva
1/2 limone
cannella
10 gr. di zucchero (un cucchiaio)
brodo di pesce

PREPARAZIONE:

1. In un tegame riscaldate l’olio e aggiungete il sedano, la cipolla e i peperoni tagliati a bastoncini, lasciate soffriggere per 1 minuto e poi aggiungete lo zucchero, sale, pepe, un po` d`acqua e lasciate cuocere coperto a fiamma bassa.
2. Intanto sgusciate e rosolate nell`olio i gamberoni e bagnate con del brandi, facendoli fare la fiamma. Lasciate evaporare e continuate la cottura a fiamma alta.Quando si saranno dorati abbassate la fiamma e condite con sale (pochissimo) pepe e cannella. Aggiungete il succo di limone, l`uvetta precedentemente ammorbidita in acqua tiepida e mescolate bene il tutto facendo cuocere per pochi minuti. Serisultasse troppo asciutto potete bagnare con del brodo di pesce


Mettete le verdure in un piatto e adagiate sopra i gamberoni.



In alternativa potete creare una Salsa alla cannella da mettere sopra ai gamberoni saltati in padella (senza limone e cannella) con il brandy.
Ingredienti per la salsa alla cannella:

1 cucchiaio di conserva di pomodoro
1 cipolla
1 costa di sedano
1 carota
3 cucchiai di olio extravergine di oliva
1 cucchiaio di fecola di patate
1 cucchiaino di zucchero
1 cucchiaino di cannella in polvere
3 dl di brodo
1 spicchio di aglio
sale e pepe

Preparazione:

Raschiare la carota, sbucciare la cipolla e l'aglio e pulire il sedano, poi tritare tutto molto finemente;
rosolare il ricavato a fuoco dolce in un tegame con l'olio;
spolverizzare con la fecola e lasciar insaporire per qualche istante, sempre mescolando.
Bagnare con il brodo bollente, salare, pepare, aggiungere la conserva di pomodoro, lo zucchero e la cannella e lasciar cuocere per 15 minuti. assare poi la salsa al frullatore fino a renderla liscia e omogenea.

Carciofi con le patate

Ingredienti per 4 persone
5 carciofi
3 patate medie
Vino bianco
Uno spicchio d’aglio
Origano
Prezzemolo
Olio
Sale
pepe
Preparazione
1. Pulizia del carciofo: Preparate dell’acqua acidulata con il succo di 1 limone o ½ cucchiaio di aceto.
Staccate il gambo del carciofo con un coltello, lasciandone attaccato un paio di cm e bagnate la parte recisa nell’acqua acidulata. Cominciate a staccare le foglie esterne finché la parte bianca e morbida non arriva a più di un terzo del resto della foglia. Bagnate in acqua acidulata sempre la parte appena recisa perché non annerisca.
Tagliate con una lama liscia affilata, partendo dal bianco in obliquo verso la punta, girando il carciofo, fino ad ottenere un taglio a cono (in modo da eliminare le punte delle folgie) . Allargate con le dita le foglie e con la punta del coltello eliminate le ultime spine dalle foglie interne e l’eventuale barba e tagliate in 4 parti il carciofo.
Lasciate a bagno per qualche minuto o finché non inizierete la preparazione
2. Pulite e tagliate le patate a cubetti grossi

3. In una padella mettete un pó d’olio con una testa taglia, appena sará caldo mettete le i carciofi. Lasciate abbrustolire per 5/10 minuti girando di tanto in tanto per non far attaccare e poi aggiungere le patate. Rosolare bene per qualche minuto, salare e aggiungere del pepe macinato fresco. Dopo qualche minuto (continuare a mescolare), aggiungere del vino bianco e lasciare evaporare, ultimando la cottura a fuoco basso con un coperchio (se troppo asciutto aggiungere, mezzo bicchiere d'acqua,e continuare la cottura). Per la cottura ci vorranno 20/30 minuti, A cottura ultimata aggiungere una banciata di prezzemolo e dell’origano.


Consiglio:
Per renderlo piú saporito potete far soffriggere anche un cipolla.

Spaghetti Cacio e pepe

INGREDIENTI
400g di spaghetti o bucatini
150g etto di formaggio di pecorino romano mediamente stagionato
olio extravergine di oliva,
pepe nero macinato al momento.



PROCEDIMENTO
1. Grattugiare il pecorino in un piatto. Metá del pecorino metterlo in una scodella con un pó d’acqua di cottura della pasta e mescolare finché non diventa un cremina.

2. Far bollire l'acqua, salarla e tuffarci gli spaghetti.

3 Scaldare l’olio in un tegame con un pó di pepe.
Scolare gli spaghetti un paio di minuti prima del termine della cottura e, lasciandoli ancora gocciolanti, buttarli nella padella con l’olio. Versare sopra anche la crema di formaggio. Abbassare il fuoco e mescolare il tutto mantecando fino a fine cottura aggiungendo, se necessario un pó d’acqua di cottura, finendo di cuocere la pasta come fosse un risotto, questa tirerà fuori l’amido che legherà il tutto e renderà gli spaghetti cremosi. Quando la pasta e' giunta a cottura completa, (deve rimanere al dente) aggiungere abbondante pepe nero macinato all'istante e rimascolare.





Consiglio
1- L’ideale è scaldare l’olio con il pepe interno, per poi toglierlo quando l’olio diventa caldo.
2- E' un piatto semplice, ma la differenza la fará la mantecatua. Dovrá crarsi una crema di formaggio che avvolge gli spaghetti.

RISO ABBRUSTOLITO

Avete del riso avanzato e non sapete cosa fare? Ecco una ricetta veloce, semplice e gustosa:
Ingredienti:
Olio
riso avanzato

Preparazione
In una padella mettete 2 cucchiai di olio d’oliva. Fate riscaldare leggermente quindi unite del risotto giallo avanzato. Stendete omogeneamente il riso a formare una specie di frittata.

Lasciate cuocere a fuoco tenue avendo l’accortezza di scuotere la padella di tanto in tanto così da non farlo attaccare. Dopo 10 minuti circa girate il riso come se fosse una frittata (attenzione all’olio che puó cadere) e fate abbrustolire anche l’altro lato.

Se non fosse ancora dorato e croccante girate nuovamente e lasciate andare ancora per qualche minuto su ogni lato.

Mettete su di un piatto e servite, magari con del formaggio parmigiano sopra


Consiglio:
1- Dovete utilizzare del riso avanzato dal giorno prima, o comunque preparato apposta e lasciato raffredare per alcune ore.

2- Durante la cottura ci deve sempre essereun filo di olio sul fondo altrimenti il riso non diventerà croccante ma brucerà.

3- Potete farlo anche con dei risotti avanzati

PASTA SALSICCIA E ZUCCHINE

Ingredienti per 4 persone
3 zucchine
1 salsiccia
1 testa d'aglio
400g Pasta
Olio
Sale
Pepe
4/5 cucchiai di parmigiano
1 confezione di panna da cucina (Facoltativa)


Preparazione:


1) Tagliare le zucchine a cubetti. Riscaldare, in una padella di alluminio, abbondante olio con la testa d’aglio e unire le zucchine. Non troppe, si rischia di farle bollire invece di saltarle. Dopo un poco comincire a mescolare bene (o saltare) così da far cuocere bene tutte le zucchine L’importante è che l’olio continui a sfrigolare e che le zucchine non restino mai troppo ferme. Continuate a cuocere per circa 4 minuti. Devono essere croccanti ma non crude. Sala e scola dall’olio in eccesso

2) In una padella cuocere la salsiccia tagliata a tocchetti (Se preferite potete togliere la pelle). Poco prima della completa cottura (dopo 15 minuti circa) toglierla dal fuoco, scolarla dall’olio e aggiungerla alle zuchine e amalgamare il tutto. Se volete potete aggiungere della panna.

3) Mettere Cuocere la pasta in acqua salata. Scolate la pasta (molto al dente), trattenendo parte dell’acqua di cottura

4) Accendete il fuoco alto sotto la padella con zucchine e salsiccia, unite la pasta con un poco d’acqua e cominciate a far saltare lasciando sfrigolare per qualche secondo. Aggiungere dell’olio e del parmigiano. Togliere dal fuoco e mantecare il tutto

Involtini Prugne e Speck

Un antipasto facilissimo, veloce e gustoso


Ingredienti per 4 persone
8 prugne secche disossate
8 fette di speck




Preparazione
Prendete le pugne e avvolgetele nello speack. Poco prima di servire mettete in forno caldo a 180 gradi per 5/10 minuti (Finche' lo speack non si é rosolato)



Per arricchire il sapore, tolti gli involtini dal forno, li potete impanare con del sesamo. 

Involtini di pomodori secchi e ricotta

Ingredienti:
280g di pomodori secchi sott’olio
30g di acciughe salate
40g di pinoli
manciata di capperi
200g di ricotta
1 cucchiaio di parmigiano
10 foglie di basilico
pizzico di pepe

Preparazione

1.dissalate le acciughe, tostate i pinoli in forno, lavate i capperi, lavate e spezzettate finemente con le mani il basilico;

2.sgocciolate i pomodori secchi, asciugateli su un panno e tagliateli a metà;



3. Prendete la ricotta e lavoratela con i parmigiano e mettete un pizzico di pepe. Quando diventerá cremosa mettetla all'interno dei pomodorini insieme agli ingredienti preparati in precedenza.
 
Ho preso questa ricetta da un'altro blog ed opportate alcune modifiche....

Temperare il cioccolato

Per avere un cioccolato lucido e buono è necessario temperare il cioccolato. Temperare il cioccolato, vuol dire lavorarlo con delle spatole e mantenere le temperature corrette, affinché rimanga bello lucido. In poche parole il cioccolato va raffreddato gradualmente dai 45°C ai 27°C per poi riportarlo ai 31°C per il fondente e 29°C per quello al latte.



Preparazione:
Sciogliere il cioccolato a bagno maria, é consigliabile tenere il fuoco molto basso o spento (più o meno intorno ai 45 gradi) e poi versarlo su una lastra di marmo e, mescolarlo con cura con una spatola (senza incorporare troppa aria) fino al raggiungimento di una temperatura di 27-28 gradi.
Rimettere i il cioccolato sul fuoco fino a quando la massa non abbia raggiunto una temperatura di 31°C per il fondente e 29°C per quello al latte e bianco: MAI sopra a 33 altrimenti l'operazione fallisce…

Ci sono delle tecniche alternative allo spotolamento sul marmo, molto piú veloci:

1- lasciare il cioccolato nel contenitore in cui si è fuso, e aggiugnere altro cioccoalto, in modo che si abbassi la temperatura  e raggiunga i 27/28 gradi. Per poi rialzarla a 31 (

2- Far fondere il cioccolato. Metà lo metti a raffreddare, mentre l'altro lo lasci sul bagnomaria a 45°, in modo che rimanga liquido. Quando l'altro metá si è raffreddata e rappresa la si aggiunge all’altra metá e far fondere fino ai 31 gradi.

3- Si sposta il pentolino, dove  é stato sciolto il cioccolato, in una ciotola di acqua molto fredda, girando con una spatola per raffreddarlo omogeneamente avendo cura di 'raschiarlo' bene dalle pareti del pentolino.
Temperatura del cioccolato
L’ideale sarebbe avere un termometro da cucina, ma se non ce l’avete potete semplicemente appoggiare una goccia di cioccolato sulle labbra per capire se si è sopra o sotto i 30°, dato che questa è più o meno la temperatura delle nostre labbra. Quindi bisogna continuare a spatolare finchè non si sente che il cioccolato è leggermente più freddo delle labbra.





Attenzione al “Grippaggio”:
Il cioccolato è molto sensibile, ogni piccola variazione del suo stato può dar luogo a risultati disastrosi e diventare durissimo. QWuesto stato si chiama “grippaggio”
Alcuni consigli per evitare il "grippaggio".



1) Il cioccolato non deve bruciare: temperature che per il vostro dito possono sembrare giuste, sono sicuramente troppo alte per il cioccolato. Quando lo fondete tenete il fornello al minimo, e mescolate in continuazione. Non potete fermarvi neanche un secondo, soprattutto con cioccolato al latte e bianco, la pena la conoscete.
2) Il cioccolato è molto difficile nei riguardi dei liquidi. Anche un velo di acqua su di un cucchiaio può contaminare una fusione di cioccolato. Ciò succede dopo un po' che il cioccolato è fuso - per esempio l'umidità delle fragole o del formaggio possono rovinare tutto.
3) Se dovete aggiungete liquidi caldi. Un'altra stranezza del cioccolato: piccole quantità di liquidi possono "grippare" il cioccolato fuso, ma grandi quantità vanno bene, se il liquido è caldo alla stessa temperatura del cioccolato fuso. Se state aggiungendo crema o latte, per esempio, il cioccolato inizierà a solidificarsi e finirete con un gran casino, tra urla e strepiti.



Una volta che il cioccolato è "grippato", non esiste un metodo conosciuto per "de-gripparlo" in modo da recuperare la fusione desiderata.

Video utile: http://www.youtube.com/watch?v=OchXdqboQ6I

Orata gustosa al forno

Ingredienti per 4 persone

2 orate da circa 500g
4 cipolle gialle di medie dimensioni
300 g di pomodorini
2 bicchieri di vino bianco
1 bicchiere d'acqua
rametto rosmarino e pepe
sale
olio extra vergine d'oliva

Procedimento

1. Lavate le cipolle e pomodorini. Tagliate le cipolle a fettine e i pomodorini a metà.
In una padella mettete 4 cucchiai d’olio extra vergine di oliva. Portate in temperatura ed unite le cipolle, tostatele per una decina di secondi e poi mettete la padella sul fuoco più piccolo al minimo. Lasciate cuocere per circa dieci minuti rimestando di tanto in tanto, le cipolle diventeranno fondenti, color ambra, assolutamente non bruciacchiate.
Portate nuovamente sulla fiamma più alta ed unite i pomodorini. Lasciateli andare continuando a muovere. Appena i pomodorini cominceranno a sfarsi interrompete la cottura ed unite il vino, sale e l’acqua.

2. Pulite e squamate l’orata. Salatela su lambo i lati ed  internamente inserire un pó di rosmarino e pepare q.b.

3. In una pirofila mette le l'intingolo di cipolle e pomodorini e adagiare l’orata. Mettete in forno preriscaldato a 180°C per 14 min. Trascorso questo tempo, girate l’orata e infornate per altri 14 min. Tirate fuori dal forno.

4. Mettete tutto il sugo, pomodori e cipolla sul piatto da portata, pulite il pesce nella sua teglia e mano a mano mettete i filetti sul piatto da portata. Condite con un filo d’olio a crudo e servite.


Consiglio
Se volete renderla piú saportia potete creare un trito di spezie e inserirlo all'interno dell'orata insieme ad uno spicchio d'aglio.

Torta cioccolato e pere

Ingredienti
150 g Burro
200 g Cioccolato fondente
100g farina
100g fecola di patate
5 Pere mature (700g circa)
4 uova temperatura ambiente
100g di zucchero

Lievito in polvere
Procedimento:
1. In un pentolino, fate bollire in 500 ml. di acqua, con 80 grammi di zucchero semolato, le pere, tagliate a metà, lasciando la buccia. ( Se volete insaporire di piú le pere potete aggiungere del moscato o vino bianco) Lasciate cuocere per circa 15 minuti, e fate raffreddare nello stesso sciroppo.

2. Riducete il cioccolato a pezzetti e il burro a tocchetti, mettete in una pentola sopra ad un bagnomaria.Tra la pentola e la padella con l’acqua, mettete un tovagliolo di carta (il metallo a contatto col metallo conduce direttamente inficiando la funzione temperante dell’acqua). Mescolate di tanto in tanto finché sia il burro che il cioccolato non siano sciolti completamente.

3. Lavorate lo zucchero e i  tuorli d’uovo  fino ad ottenere un composto spumoso. Aggiungere il cioccolato  e quando sará amalgamato il tutto aggiungere la farina e la fecola setacciate e poi il lievito.

4. Al composto di cioccolato, unite delicatamente gli albumi, precedentemente montati a neve mescolando dal basso verso l'alto, per incorporare aria e non smontare l'amalgama.

5. Dividete l’impasto in due parti e versate la prima metà in una tortiera imburrata e infarinata (13) del diametro di 22-23 cm, quindi coprite il tutto con le pere che a loro volta coprirete con il resto della preparazione.

6. Mettete la vostra torta in forno preriscaldato a 180° per almeno 40 minuti. Una volta pronta, lasciate per circa 10 minuti la torta nella tortiera per farla raffreddare, in modo che non si afflosci, quindi sformatela.
Potete servirla fredda accompagna da una marmellata di pere o una crema di cioccolato.

Consiglio
1. Quando montate gli albumi aggiugnete un pizzico di sale;
2. per rendere la torta ancora piú gustaso potete aggiugnere 100g di amaretti oppure sostituire le pere con le mele.
3. Quando sciogliete il cioccolato a bagnomaria, tra la pentola e la padella con l’acqua, mettete un tovagliolo di carta (il metallo a contatto col metallo conduce direttamente inficiando la funzione temperante dell’acqua).

Riso al Castelmagno con riduzione di Nebbiolo

Ecco una ricetta che ho trovato sull’Espresso. Molto buona, abbastanza facile da fare, sicuramente di ottimo impatto.



Ingredienti per 4 persone

400g Castelmagno (famoso formaggio piemontese)
350g riso carnaroli Acquerello
olio extravergine oliva
brodo di carne
pepe nero
1 scalogno
Sale
Noce di burro per mantecare
1 bottiglia vino Nebbiolo - in alternativa potete anche usare un barolo
1 sedano
1 carota
2 fogliealloro
pepe nero
bacche di ginepro
chiodi di garofano
1 baccellovaniglia
2 pere kaiser

 
Preparazione
1. Preparare la salsa: sbucciare le pere kaiser, tagliarle a metá e togliere il torsolo. Mettere in una pentola il vino Nebbiolo, una costa di sedano, uno scalogno, una carota, due foglie di alloro, il pepe nero in grani, le bacche di ginepro, i chiodi di garofano, un baccello di vaniglia. Far sobbollire a fuoco lento sino a ridurre il contenuto di circa la metà. A questo punto aggiungere le pere e lasciar cuocere per circa 15 minuti. Togliere le pere ormai cotte, tagliarle a fettine utilizzando la parte centrale, più grossa, e filtrare la salsa. Se volete rendere la salsa ancora piú dolce e densa potete aggiungere in alternativa della vaniglia un cucchiaia di miele.



2 Preparare il risotto: togliere la buccia al castelmagno, ridurlo in pezzi e grattugiarlo grossolanamente. Tritare lo scalogno e farlo appassire in padella insieme ad un filo d'olio extravergine di oliva. Aggiungere il riso, farlo tostare, e poi aggiungere brodo bollente fino a coprire il riso di un dito, mescolate il tutto e lasciate andare a fuoco medio senza più girarlo finché il brodo non sia nuovamente sceso sotto il livello del riso. A questo punto aggiungete altro brodo e mescolate, continuando in questa maniera finché il risotto non sia cotto al dente (dopo circa 15 minuti). In totale solitamente si impiegano 4 mandate di brodo. Arrivati a circa cinque minuti dalla fine della cottura, unire il castelmagno grattugiato, poco per volta, e terminare di cuocere aggiungendo un cucchiaio di salsa di Nebbiolo e se necessario ancora un pó di brodo.
Levate la pentola dal fornello, aggiustate di sale unite il burro a tocchetti e un goccio di brodo, mescolate a lungo vigorosamente (mantecatura), finchè il burro non sia del tutto sciolto.
Lasciate il risotto a riposare per 2 min

3. Preparazione del piatto: cospargere sui piatti il castelmagno grattugiato rimasto, poi mettere il riso, quindi le fettine di pera e la salsa da un lato e completare con una macinata di pepe nero.

Consiglio:
Durante la preparazione dei risotti è importante limitare il numero delle volte che si mescola i riso, perché più lo si mescola più il riso rilascerà amido; più amido verrà rilasciato più sarete costretti a girarlo perché il risotto attaccherà. Se il riso rilascia troppo amido e voi mescolerete troppo, alla fine il vostro risotto risulterà troppo vischioso e tendenzialmente scotto, più simile a una polentina. Durante l’ultima mandata di brodo e soprattutto durante la mantecatura mescolerete. A questo punto verrà rilasciata la giusta quantità d’amido perché il vostro risotto sia cremoso e al dente.

"L’alta cucina non è una cosa per i pavidi, bisogna avere immaginazione, essere temerari, tentare anche l’impossibile e non permettere a nessuno di porvi dei limiti solo perché siete quello che siete, il vostro unico limite sia il vostro cuore. Quello che dico sempre è vero, chiunque può cucinare ma solo gli intrepidi possono diventare dei grandi." Gusteau